Attualità

Grande partecipazione dei fedeli alla solennità del Corpus Domini

La Redazione
Processione del Corpus Domini
Ieri, a partire dalle 19, con tutte le parrocchie e confraternite della città di Bitonto
scrivi un commento 11

La solennità del Corpus Domini si è celebrata ieri con grande partecipazione dei fedeli, dopo due anni di stop per l’emergenza pandemica. È una delle solennità più sentite a livello diocesano e parrocchiale, sia per il suo significato che richiama la presenza reale di Cristo nell’eucaristia, sia per lo stile della celebrazione liturgica. Quest’anno la festa del Corpus Domini è stata incentrata sulla frase evangelica “Voi stessi date loro da mangiare” (Lc 9,13).

Lo ha ricordato papa Francesco nell’udienza generale di mercoledì scorso, auspicando “che i fedeli possano trovare nell’eucaristia, mistero di amore e di gloria, quella fonte di grazia e di luce che illumina i sentieri della vita”.

Nel suo messaggio pubblicato sul sito ufficiale dell’arcidiocesi di Bari-Bitonto, monsignor Giuseppe Satriano ha sottolineato che “la processione del Corpus Domini vuol essere una grande e pubblica benedizione per la nostra città”.

Ieri è stato un giorno di festa per tutta la comunità: parrocchie, confraternite, associazioni di volontariato, scout, ammalati, fedeli e autorità. La solennità del Corpus Domini si è articolata in tre fasi ben distinte ma unite in un’unica liturgia: celebrazione eucaristica, processione solenne, benedizione.

La prima è iniziata alle 19 nel giardino della parrocchia del Santissimo Sacramento con la celebrazione della santa Messa presieduta dal vicario episcopale territoriale don Gianni Giusto. Hanno concelebrato don Donatello De Felice parroco del Santissimo Sacramento, don Paolo Candeloro padre spirituale delle confraternite e i sacerdoti delle parrocchie. “L’eucaristia è il tesoro più prezioso che arrivi a tutti i cristiani anche a chi in questo momento è distante, perché Cristo è amore”, ha scandito don Gianni.

La seconda fase è iniziata alle 19.45 con la solenne processione che si è snodata per le vie cittadine con il Santissimo Sacramento, un’ostia consacrata esposta alla pubblica adorazione racchiusa in un prezioso ostensorio sottostante ad un baldacchino, che è stato sorretto per tutto il percorso dai membri delle confraternite, scortato da due agenti della Polizia locale in alta uniforme.

Alla croce seguivano i ministranti, gli ammalati, l’associazione Unitalsi, le confraternite, i ministri straordinari della santa comunione, le religiose, i bambini della prima comunione accompagnati da catechisti e genitori, i sacerdoti delle parrocchie, il vicario episcopale con il Santissimo, le autorità civili e militari tra cui il sindaco Francesco Paolo Ricci, e infine il popolo dei fedeli.

L’ultima fase è avvenuta alle 21.15, quando il parroco rettore don Vito Piccinonna ha accolto il Santissimo Sacramento nella Basilica dei Santi Medici con le campane che suonavano a festa. C’è stato prima un momento di preghiera, poi una lettura di ringraziamento e al termine il vicario episcopale territoriale ha impartito la benedizione eucaristica.

 

 

lunedì 20 Giugno 2022

(modifica il 4 Luglio 2022, 16:23)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti