Politica

Messa in sicurezza incrocio via Ammiraglio Vacca-ex 98, Natilla: «Solo chiacchiere»

La Redazione
Incidente all'incrocio di via Ammiraglio Vacca con l'ex statale 98
Il consigliere comunale di opposizione sollecita il sindaco Abbaticchio ad intervenire perché l'ASI Bari stanzi gli 800mila euro promessi
scrivi un commento 10

«Chiacchiere e tabacchiere di legno il Banco di Napoli non le impegna: se vale sotto il Vesuvio, il vecchio detto si ferma alle porte di Bitonto. Il fiume di parole del nostro sindaco scorre inesauribile, ma finisce nel vuoto». Così attacca il consigliere comunale di opposizione Franco Natilla, commentando il report che il sindaco Michele Abbaticchio sta pubblicando in questi giorni sui risultati degli ultimi dieci anni di amministrazione sotto la sua guida.
n«A pochi mesi dalle elezioni amministrative – osserva Natilla – prosegue incessante la campagna di annunci del primo cittadino sulle domande di contributi che il Comune avrebbe avanzato per opere di abbellimento della città. Sta di fatto, però, che ancora oggi, nonostante ripetuti inviti a far valere la voce di Bitonto sui tavoli provinciali e regionali, risulta disatteso l’impegno dell’ASI di Bari di erogare e non semplicemente promettere gli 800mila euro circa per avviare la messa in sicurezza del sempre più pericoloso incrocio di via ammiraglio Vacca con la ex strada statale 98».
nPer questi lavori la Regione Puglia aveva messo a disposizione 3.700.000 euro più di dieci anni fa.

nn

«Quindi – commenta il consigliere – da oltre un decennio l’ASI disattende un accordo di programma sottoscritto. Ormai non c’è più tempo: se il sindaco non si muove con decisione, se non batte i pugni sul tavolo barese per tutelare i diritti dei bitontini e non solo, vedremo arrivare la revoca del finanziamento. A chiacchiere, l’incrocio non si mette in sicurezza, senza i fatti e le iniziative forti».

n

sabato 19 Febbraio 2022

(modifica il 4 Luglio 2022, 16:59)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti