Attualità

Un piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche

La Redazione
Barriere architettoniche
Il Comune chiede indicazioni ai cittadini
scrivi un commento 6

L’amministrazione comunale ha avviato il percorso per la redazione del PEBA (Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche), strumento di pianificazione e programmazione che ha lo scopo di incidere sulla complessiva qualità della mobilità urbana sostenibile, rendendo accessibili e fruibili gli edifici pubblici e gli spazi urbani da parte dei cosiddetti utenti deboli della strada (disabili motori, ipovedenti, non udenti, disabili cognitivi, anziani, bambini, donne in gravidanza).

nn

Il piano agisce anche sul sistema dei trasporti urbani, prevedendo interventi mirati a scoraggiare l’uso del mezzo privato a favore di un’estesa pedonalizzazione delle aree urbane.

nn

Una volta adottato dalla Giunta e approvato dal Consiglio comunale, il PEBA dovrà essere presente in tutte le politiche di trasformazione urbana che il Comune intenderà intraprendere. Ha validità decennale ed è suscettibile di aggiornamento e integrazione in base allo stato di realizzazione degli interventi programmati.

nn

Centrale nel processo di formazione del PEBA è la fase della partecipazione aperta a tutti i cittadini, chiamati ad evidenziare le criticità presenti sul territorio comunale (in centro e nelle aree periferiche), che condizionano negativamente la mobilità pedonale.

nn

Per facilitare questa fase consultiva, il team tecnico incaricato dall’amministrazione comunale ha predisposto un breve questionario disponibile nella sezione dedicata al PEBA del portale internet comunale, al quale sono chiamati a rispondere liberamente tutti, cittadini e titolari delle varie categorie economiche.

nn

Le risposte, raccolte in forma anonima, forniranno importanti indicazioni per il censimento delle barriere architettoniche esistenti, l’individuazione di specifiche problematiche e il suggerimento di interventi ritenuti prioritari.

nn

A seguire da vicino il percorso di formazione del Piano è l’assessora Angela Scolamacchia, che tra le sue deleghe conta quelle all’edilizia e all’inclusione scolastica.

nn

«Ho cominciato ad occuparmi del PEBA – spiega – perché inizialmente interessata alle barriere architettoniche prospicenti gli edifici scolastici. Poi, però, abbiamo pensato di allargare il discorso: di fatto il PEBA coinvolge tutta la città. Abbiamo, quindi, coinvolto le associazioni, le scuole, i residenti perché è importante per l'elaborazione di un piano realistico e fattibile partire dal coinvolgimento dei cittadini che si spostano prevalentemente a piedi».

nn

«È fondamentale – aggiunge Scolamacchia – che tutti rispondano al questionario che i tecnici hanno preparato: bastano solo pochi minuti per dare un contributo davvero importante alla progettazione di un PEBA in grado di andare incontro alle reali esigenze dei cittadini».

n

sabato 22 Gennaio 2022

(modifica il 4 Luglio 2022, 17:08)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti