Ambiente e salute

Discarica Fer.Live, istanza del comitato Ambiente è Vita

Sito per discarica Fer.Live
Il sito individuato per la discarica Fer.Live
L’associazione fa appello alle forze politiche presenti in Consiglio metropolitano, affinché la sottoscrivano per la verifica dell’Aia al progetto
scrivi un commento 74

Il comitato Ambiente è Vita, da anni impegnato a contrastare la realizzazione della discarica Fer.Live in agro bitontino, ha invitato le forze politiche presenti in Consiglio Metropolitano a sottoscrivere un’istanza per verificare la corretta procedura della Conferenza di Servizi riguardante la richiesta di Aia per il progetto dell’impianto di smaltimento in contrada Colajanni. 

 

Su questo tema – scrive il comitato – c’è sempre stata una divisione della politica locale, che, pur palesando lo stesso obiettivo di contrasto all’impianto, si trova in forte disaccordo sui metodi e sugli strumenti da adottare. Non mancano le critiche e le accuse tra i sostenitori delle varie fazioni.

Il comitato non crea collaborazioni esclusive con organizzazioni politiche per non rimanere imbrigliato in questo tipo di polemiche, ed essendo un’associazione che non ha convinzioni ideologiche se non quelle ecologiche, cerca di non aderire mai ad iniziative con la presenza di chiari riferimenti partitici. Gli iscritti ad Ambiente è Vita hanno ognuno la propria idea politica indipendente.

Questo non vuol dire assolutamente che le iniziative politiche non possano essere efficaci per raggiungere il nostro scopo.

In seguito alla conclusione della Conferenza di Servizi in cui l’Ufficio Territorio della Città Metropolitana ha espresso parere favorevole all’impianto Fer.Live, stiamo valutando diverse azioni, con o senza collaborazioni.

Abbiamo scritto alle forze politiche locali, senza distinzioni, chiedendo di suggerire ai propri referenti presenti in Consiglio Metropolitano di sottoscrivere la nostra istanza per verificare la corretta procedura della Conferenza di Servizi riguardante la richiesta di Aia per il progetto dell’impianto di smaltimento Fer.Live in contrada Colajanni.

Abbiamo inoltrato loro anche la bozza dell’istanza, che naturalmente potranno modellare per renderla più appropriata.

Finora abbiamo ottenuto l’ok di uno dei 18 consiglieri metropolitani. Potrebbe bastare per avviare la discussione politica, ma con più sottoscrittori si darebbe più eco all’interpellanza.

Rinnoviamo pubblicamente la richiesta affinché arrivi anche ai partiti che non siamo riusciti a contattare.

Naturalmente l’invito è rivolto a tutte le forze politiche che intendono opporsi in tutti modi alla Fer.Live.

Al momento non conosciamo la data dei prossimi Consigli metropolitani, ma non possiamo tergiversare.

Ci rendiamo conto che il Consiglio metropolitano non entra in merito alla decisione di un ufficio competente dello stesso ente, e che anche l’eventualità di discuterne durante l’assise non porterà a conseguenze dirette. Ma riteniamo che servirà quantomeno a “smuovere” la parte politica della Città Metropolitana di Bari, che ha così poco “interferito” nella questione, nella speranza che verifichi che la procedura e i criteri adottati durante tutta la Conferenza abbiano rispettato le regole e l’etica.

Non dobbiamo lasciare nulla di intentato – concludono gli attivisti di Ambiente è Vita – purché utile a bloccare la realizzazione dell’ennesima discarica in territorio bitontino.

 

 

 

 

 

venerdì 29 Luglio 2022

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti