Politica

Debiti pregressi, pignorata la Casa della Giovane del Maria Cristina

La Redazione
L'istituto Maria Cristina di Savoia
Onda Civica: "Disastro della gestione commissariale"
scrivi un commento 16

Pignorata la Casa della Giovane dell’istituto Maria Cristina. Ne dà notizia Onda Civica Bitonto: “Una porzione del compendio immobiliare dell’asp Maria Cristina di Savoia è stato attinto da procedura esecutiva immobiliare per crediti azionati da un istituto di credito. La gestione del Maria Cristina, come succedutasi nel tempo, ha lasciato solo macerie e debiti milionari. Chiediamo che venga fatta chiarezza e che vengano accertate le responsabilità anche, ma non solo,  in sede contabile”.

“Per ben quattro anni – ricorda il movimento – non è stato versato alcuno stipendio ai lavoratori, nessuna contribuzione agli enti previdenziali, il tutto nel silenzio assordante sia delle Istituzioni locali, sia di quelle sovra comunali. E il pregresso maturato? In termini di soldoni sono parecchi, ma non è tutto! Il nominato commissario, nell’esercizio del proprio diritto di difesa, è arrivato addirittura a disconoscere i crediti lavorativi maturati e, seppur diffidato a più riprese, non invia all’Inps i dati giuridici ed economici dei lavoratori già collocati in pensione”.

“Oltre ai danni derivanti dal mancato pagamento del maturato trattamento di fine servizio – continua Onda Civica – i malcapitati ex dipendenti, successivamente collocati in pensione per raggiungimento dei limiti massimi di età, hanno incontrato serie e gravi difficoltà nel percepire i primi ratei pensionistici proprio in virtù della reticenza immotivata del nominato commissario alla comunicazione dei dati richiesti dall’Inps di Bari”.

Onda Civica denuncia “il disastro nella gestione commissariale, e non solo, dell’asp Maria Cristina di Savoia” e la mancata manutenzione, visto che “sulla facciata dello storico istituto anche la vegetazione spontanea, ma selvaggia, risulta più che fiorente”.

E poi la domanda: “Ma i contributi previdenziali di pertinenza degli ex dipendenti del Maria Cristina di Savoia dove sono migrati? L’Inps di Bari non ne ha contezza e, pertanto, decurta i ratei del trattamento pensionistico mensile in danno degli stessi ex dipendenti e non procede alla liquidazione del trattamento di fine servizio”.

Infine, Onda Civica fa appello al governatore Michele Emiliano, per una “rapida soluzione, dal momento che lo storico istituto, malandato com’è, arreca un gravissimo danno di immagine alla comunità bitontina”.

domenica 3 Aprile 2022

(modifica il 4 Luglio 2022, 16:46)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti